Progetti

Progetti 2018-07-10T15:28:40+01:00

Fondazione l’Albero della Vita è presente in Europa e nei paesi in via di sviluppo ove è attiva: India, Bangladesh, Kenya, Haiti e Perù.

Europa

L’intervento in Europa è incentrato sul tema della migrazione e delle criticità legate a questo fenomeno, con l’obiettivo di fornire soluzioni sostenibili per assicurare il benessere delle fasce più vulnerabili. I principali temi su cui impegnare risorse sono i minori non accompagnati, la famiglia nella migrazione, l’affido familiare.

Scopri i progetti >

Africa

La protezione dei minori è uno dei principali ambiti d’intervento nel Paese africano. In Kenya Fondazione l’Albero della Vita supporta numerosi centri per minori e crea un rapporto di collaborazione molto forte con i dipartimenti e le autorità locali. L’obiettivo è migliorare l’accoglienza dei bambini/giovani di età 0-16 anni. Questi beneficiari sono definiti “in conflitto con la legge”, cioè condannati dal giudice per crimini più o meno gravi, e inseriti in un percorso riabilitativo triennale. Molti di loro, in realtà, sono solo ragazzi di strada, orfani e migranti dalle campagne.

Scopri i progetti >

Asia

In India i settori di intervento sono 3: educazione, protezione e sviluppo, con azioni che favoriscono il miglioramento delle condizioni di vita di tutta la comunità.

A Baruipur, una località a 30 km da Calcutta, l’impegno è volto alla protezione dei bambini più vulnerabili affrontando il tema della disabilità.
In Nepal l’obiettivo è di potenziare costantemente le associazioni locali e delle famiglie dopo il tragico terremoto.
In Bangladesh i progetti  hanno lo scopo di fornire acqua potabile e per l’uso agricolo in zone particolarmente colpite da calamità naturali e salinizzazione del suolo.

Scopri i progetti >

America Latina e Caraibi

In Perù sono presenti progetti di sviluppo locale, sicurezza alimentare, sanità. Il lavoro svolto nella regione dell’Ancash per rafforzare la filiera di un lupino andino, favorisce lo sviluppo territoriale di 400 famiglie contadine in estrema povertà. Negli sperduti villaggi dell’Amazzonia peruviana è attivo un progetto sanitario per la popolazione più vulnerabile. Sempre in Amazzonia è partito il progetto contro la violenza su donne e bambini.

Ad Haiti, il sostegno dal 2010 dell’unica clinica di Waf Jeremie, baraccopoli degradata e violenta, contribuisce a tutelare in particolare la salute materno-infantile. E’ inoltre attivo il sostegno a un centro di accoglienza per bambini svantaggiati (oltre 100 bambini orfani di 0-12 anni) che hanno perso i genitori per l’AIDS o la mamma durante il parto o per morte violenta.

Scopri i progetti >